gdpr 2018 call center

GDPR 2018 call center: come cautelarsi

Indice dei contenuti

Sei il proprietario di un call center? Allora conosci sicuramente il GDPR (General Data Protection Regulation)! Anzi siamo sicuri che tu abbia già predisposto tutte le misure cautelari per non incappare nelle sanzioni che il non rispetto di questo codice comporta.

Ma mettiamo il caso che tu debba ancora aprire il tuo call center: in questo caso devi impegnarti per adeguare la tua azienda al “Regolamento generale sulla protezione dei dati“. Se non sai di cosa stiamo parlando continua a leggere e mettiti subito in regola!

Cosa comporta il GDPR 2018 Call Center?

Capiamo prima cosa è il GDPR

Il 24 maggio 2018 in Italia il Codice Privacy è stato ufficialmente dal Regolamento Ue 2016/679, noto come GDPR. Tutti i 27 stati membri dell’Unione Europea hanno aderito e accolto le norme del codice, indispensabili per rendere più sicuro il trattamento e la sicurezza dei dati personali al fine di regolamentare in maniera più rigorosa le politiche legate al Marketing, diretto e digitale.

Il vero obiettivo del Regolamento è quello di preservare i dati personali delle persone, per non esporli a situazioni sgradevoli. Il caso di Cambridge Analytica e l’utilizzo scorretto dei dati degli utenti da parte di Facebook è un esempio emblematico di lesione della privacy che ha scosso l’opinione pubblica generale.

Correttezza e trasparenza sono le parole d’ordine del GDPR. Trattare i dati personali di una e persona secondo un ordine che riveli razza o etnia, credo politico e orientamento sessuale è vietato.

Sono essenzialmente 4 le regole che il Codice impone e a cui dobbiamo adeguare la nostra attività:

  • Le persone devono esplicitamente accettare il raccoglimento dei propri dati personali;
  • I clienti devono poter richiedere una copia dei dati prestati ed eventualmente poterli modificare o cancellare;
  • Le persone devono essere messe al corrente di poter essere soggette a proposte commerciali;
  • Le persone devono poter sapere in che modo sono stati raccolti i dati.

GDPR 2018 Call Center: come tutelarsi

Se stai per aprire un call center tieni bene a mente le 4 regole indicate qui sopra. Dotati di un software che ti permetta di immagazzinare correttamente i dati qualora si verifichi l’urgenza di dover delucidare i dubbi di un cliente o di un interessato al tuo servizio.

Il GDPR consente alle persone di iscriversi al registro delle opposizioni. Prima era possibile solo per i numeri fissi, mentre ora anche i telefoni cellulari possono usufruire di questo servizio. Il cliente può anche revocare totalmente il consenso al trattamento dei dati.

In che modo puoi cautelarti per non rischiare  di violare le regole del GDPR nel tuo call center? Abbiamo un paio consigli per te.

  • Predisponiti di un numero identificabile, in modo da facilitare un’eventuale richiamata dell’utente che deciderà di registrarsi alla lista delle opposizioni o revocare il consenso.
  • Utilizza un prefisso riconoscibile per rendere più chiaro all’utente che si tratti di una chiamata di un Call Center. Sarà lui, secondo le sue esigenze, a decidere se aprire la chiamata o meno.
  • Una buona strategia di Marketing può indurre il tuo prospect a darti spontaneamente i suoi dati per poter essere ricontattato. Lavora con le campagne su Facebook e Google, e ottieni più facilmente lead qualificati che esprimono chiaramente il consenso l’interesse.

Studia bene il GDPR, cautelati coi nostri pochi (ma buoni) consigli, e vedrai che il tuo call center non rischierà alcun tipo di sanzione. Vuoi un software CRM che soddisfi tutti questi requisiti? Affidati alle nostre soluzioni personalizzate!

Richiedi una demo di Argia CRM di Roixter e scopri tutte le funzionalità pensate per il tuo Call Center

Contattaci adesso!
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

richiedi una demo gratuita

In pochi minuti ti metteremo a disposizione una versione completa.